Il fantasma di Branca Doria a Genova

Genova, una città ricca di antichi palazzi e di vicoli. Vicoli nei quali girano molte leggende, storie di fantasmi ed avvistamenti. La loro natura è prettamente spettrale ma molto spesso si lega a fatti storici realmente accaduti spesso tragici, a credenze popolari ed ad omicidi e suicidi del passato. Insomma, ogni città ha i suoi misteri ed oggi vi racconteremo un mistero legato alla città di Genova e vi parleremo de: Il fantasma di Branca Doria a Genova. Dopo la sequela di avventure sulla famiglia Vacchero

Branca Doria

Il fantasma di Branca Doria a Genova. Branca Doria è un nobile genovese vissuto tra il 200 ed il 300. Il suo palazzo si erge ancora alla sinistra della chiesa di San Matteo nell'omonima piazza. Esso era un personaggio molto controverso: era diventato governatore del giudicato di Logudoro, uno dei quattro giudicati decisi dai Pisani. Come c'è arrivato? Assassinando a tradimento il suocero Michele Zanche. 

Branca Doria infatti compare nella Divina Commedia nonostante fosse ancora vivo, precisamente esso è situato nella terza zona del nonno cerchio: la Tolomea, dove sono puniti i traditori degli ospiti. Dante spiega che Branca Doria era già nella Tolomea in quanto non appena viene commesso un tradimento l'anima della persona che ha tradito sprofonda all'inferno e nel suo corpo s'insidia un Diavolo. 

Il Fantasma di Branca Doria






Andiamo dunque a parlare del fantasma di Branca Doria. 

Proprio il suo inserimento nell'inferno dantesco ha generato voci e racconti secondo i quali il fantasma di Branca Doria possa essere visto girovagare per la piazza. 

I testimoni degli avvistamenti affermano che tra le colonne della chiesa si poteva vedere la sua ombra allontanarsi. Secondo alcuni, per evocare il fantasma di Branca Doria bisogna recarsi presso una colonna che porta su di sé un segno rossastro. Difatti quel segno distingue la colonna, questa è stata eletta a domicilio dal fantasma di Doria. 

Altri invece affermano di averlo visto vagare nella piazza con le mani insanguinate che va a scomparire alla colonna dentro la chiesa, sembra che a questa colonna esso si appoggi sporcandola cosi di sangue.  

Citazione di Branca Doria nella Divina Commedia

"Tu 'l dei saper, se tu vien pur mo giuso:
elli è ser Branca Doria, e son più anni
poscia passati ch'el fu sì racchiuso».
«Io credo», diss' io lui, «che tu m'inganni;
ché Branca Doria non morì unquanche,
e mangia e bee e dorme e veste panni».
«Nel fosso sù», diss' el, «de' Malebranche,
là dove bolle la tenace pece,
non era ancora giunto Michel Zanche,
che questi lasciò il diavolo in sua vece
nel corpo suo, ed un suo prossimano
che 'l tradimento insieme con lui fece."

Guarda il nostro ultimo video su Youtube

Vi invitiamo ad iscrivervi al canale, a lasciare un like e ad attivare la campanella per rimanere sempre aggiornati sulle nostre pubblicazioni.

Condividi l'articolo