Il Viaggio nel Tempo e il crononauta John Titor

Ciao a tutti amanti del mistero, oggi parleremo del viaggio nel tempo e di John Titor, uno dei più famosi crononauti ad oggi conosciuti.
Il tutto ebbe inizio il 2 Novembre del 2000, l'utente Timetravel_0 sostiene di essere un soldato proveniente dal futuro, inviato nel 1975 per prendere possesso di un Computer...un PC dell'IBM, un modello 5100...
Il PC, avrebbe a suo dire, delle funzioni nascoste o mai riportate che potrebbero agevolare, nel suo tempo, il passaggio di dati da macchine IBM ad altre più evolute.

LA MACCHINA DEL VIAGGIO NEL TEMPO PESA 250Kg

Considerando quello che si può incontrare sul web, la gente, in un primo momento scettica, iniziò a fare domande su domande e John si dimostrò molto disponibile...tanto da mandare anche foto della sua macchina del tempo, un modello C204, costruito dalla General Electronics nell'anno 2034 e del modico peso di 250Kg.

IL VIAGGIO NEL TEMPO è stato inventato al CERN

Dietro al viaggio temporale, c'è ovviamente dello studio, infatti, al questo nasce proprio al CERN.
A quanto pare i protoni rivestono un ruolo significativo in tutto questo,
Ma non tutto si svolgeva in sicurezza e tanti scienziati per paura decisero di abbandonare la ricerca.
Oltre a tutto questo John ha anche risposto ad alcune domande precise...l'arrivo della mucca pazza, le Olimpiadi del 2004 e altro ancora...

Anche se sappiamo bene che tutto ciò non è mai accaduto, la storia ci lascia comunque con tante domande nella testa, dalla linea temporale ai paradossi...i mezzi per lo spostamento e le persone che cavalcano il tempo? Chi sono e come mai possono farlo, osservano e basta o interferiscono con il nostro tempo? John è sparito e ancora oggi non conosciamo la sua vera identità, noi possiamo solo immaginare che cosa si celasse dietro a questa persona e a questo evento.

Guarda il nostro video su Youtube

Vi invitiamo ad iscrivervi al canale, a lasciare un like e ad attivare la campanella per rimanere sempre aggiornati sulle nostre pubblicazioni.

Condividi l'articolo